Gianpaolo Antonante contatti
115 0 0
115Condivisioni

Blog Aziendali

La ricetta per un “Blog di Successo”: I 5 ingredienti che NON devono MAI mancare, e che invece un sacco di volte sono ASSENTI e il risultato è che la ricetta viene una schifezza…

Creare un blog di Successo

Per fare un buon dolce seguire alla LETTERA la ricetta fa tutta la differenza del mondo tra l’ottenere un risultato ECCELLENTE ed un dolce squisito, o fare un buco nell’acqua e preparare un dolce secco, insipido se non IMMANGIABILE.

Creare un blog di Successo:
i 5 Ingredienti che NON devono MAI mancare!

Ma scusa, che ci vuole a seguire alla LETTERA una ricetta?
Forse ti starai ponendo questa domanda…in realtà se ad una prima occhiata può effettivamente sembrare semplice attenersi a delle istruzioni dettagliate, nella pratica di tutti i giorni poi non è così, e per un motivo o per un altro, va a finire che la ricetta non viene seguita in modo preciso, e il risultato alla fine ne risente.

In maniera più o meno pesante, ma ne risente SEMPRE.
E infatti non siamo tutti pasticceri…

E che c’entrano i dolci nel tuo blog sul web marketing?

I dolci c’entrano se pensiamo al successo di un blog:
come per i dolci infatti, per avere un blog aziendale di successo va seguita (ed ESEGUITA) una ricetta specifica, con degli ingredienti specifici, che vanno dosati nel modo giusto.

E come per i dolci, se ad una prima impressione, la ricetta può sembrare semplice, nella realtà mi ritrovo costantemente ad avere a che fare con imprenditori ed aziende che per ragioni diverse NON eseguono nel modo giusto la ricetta del blog, e alla fine i RISULTATI non arrivano.

L’articolo di oggi è rivolto a te, imprenditore che ha deciso di utilizzare il blog nella sua strategia di web marketing, o che magari il blog ce l’ha già da un po’. Ti do un consiglio, leggi attentamente quello che ho scritto.

Non ci troverai SEGRETI strabilianti che magicamente moltiplicheranno i tuoi risultati, anzi…
Probabilmente i concetti espressi ti potranno sembrare già sentiti e non ci troverai nulla di nuovo.

Ti assicuro però che gli “ingredienti del successo” di un blog che elenco nell’articolo sono SEMPRE la fonte PRINCIPALE di insuccesso: sembrano scontati eppure è sempre su questi che si CADE…

Sembrano concetti e suggerimenti banali e conosciuti, eppure è sempre qui che casca l’asino ed è sempre su questi che quando parlo con un nuovo imprenditore mi accorgo che ci sono le più grosse LACUNE.

Quindi, come dicevo prima, leggi con attenzione e magari stampati l’articolo tenendolo a portata di mano, per ridarci una sbirciatina ogni tanto per verificare che non stai sbagliando la “ricetta”.

La ricetta per un “Blog di Successo”: I 5 ingredienti che NON devono MAI mancare, e che invece un sacco di volte sono ASSENTI e il risultato è che la ricetta viene una schifezza…

1) Contenuti: scrivi ciò che interessa ai tuoi clienti (e non a te o ai tuoi colleghi).

Un blog per sua natura è un contenitore di articoli, quindi deve essere ricco di contenuti.
La problematica che però mi trovo spesso a verificare riguarda la “qualità” dei contenuti non adatta allo scopo. Ricordando gli ultimi casi che mi sono capitati, gli errori principali che vengono commessi riguardo i contenuti di un blog sono essenzialmente due:

  • Non parlano ai clienti (ma spesso interessano più ai colleghi),
  • Parlano “difficile” e sono quindi incomprensibili ai clienti (che non sono addetti ai lavori).

I tuoi articoli NON parlano ai clienti.
Se ti accorgi che ricevi apprezzamenti SOLO da un sacco di “colleghi” agli articoli del tuo blog allora, fidati, c’è qualcosa che non va…

Un blog DEVE servire a creare il tuo “brand”, differenziandoti dai tuoi concorrenti, e ad acquisire nuovi clienti (oltre che a fidelizzare i vecchi).

Per arrivare a questi risultati devi scrivere articoli che parlino dei problemi dei tuoi clienti, che potrebbero anche sembrare banali a te che sei “esperto” del tuo settore, ma che non sono affatto banali per i tuoi clienti, visto che se erano in grado di risolverli da soli, non cercavano te o un tuo concorrente.

Se quindi la maggior parte degli apprezzamenti che ricevi ai tuoi articoli, sono SOLO di tuoi “colleghi”, questo potrebbe essere sintomo del fatto che nei tuoi articoli stai parlando “una lingua” che non è quella usata dai tuoi clienti, ma dagli addetti ai lavori. Se ti ritrovi in questa situazione, fai immediatamente marcia indietro e riaddrizza il tiro, altrimenti non vai molto lontano.

Piccolo (GRANDE) suggerimento:
I tuoi clienti ti fanno domande TUTTI i sacrosanti giorni che Dio manda in terra. Se ti appunti queste domande e scrivi articoli del blog che diano le risposte, vedrai che la musica cambia in fretta.
E ricorda: non aver timore di sembrare banale. Se i tuoi clienti hanno dei dubbi, a quelli devi rispondere, non preoccupandoti di quello che possono pensare i tuoi “colleghi”.

I tuoi articoli parlano “difficile” e sono quindi incomprensibili ai clienti.

Questo secondo punto potrebbe essere collegato al primo in molti casi, ma non per forza.
Si riferisce al linguaggio utilizzato negli articoli che MAI e poi MAI deve essere troppo tecnico (e quindi incomprensibile ai tuoi clienti).

Prendi ad esempio questo mio blog, il cui “slogan” è “Il Web Marketing spiegato Semplice all’Imprenditore”: nei miei articoli mi sforzo di divulgare in maniera comprensibile al mio target (imprenditori) i vari aspetti del Web Marketing.

Potrei usare termini tecnici? Eeeeeeeh, a bizzeffe…potrei sciorinare decine e decine di supercazzole tecniche fino allo sfinimento.

Ad esempio questo paragrafo avrei potuto chiamarlo “Content Curation” e tecnicamente sarebbe stato giusto…Peccato che in 10 anni che faccio sto lavoro non ho sentito UNO e dico UNO imprenditore che abbia mai pronunciato le parole “Content Curation” (semplicemente perché le ignora).

Allo stesso modo nel tuo caso DEVI FARE ESTREMA attenzione all’utilizzo di terminologie tecniche, facendone a meno TUTTE le volte che puoi. E quando non puoi farne a meno, devi spiegarne il significato subito, all’interno dello stesso articolo.

E se usi lo stesso termine tecnico in un articolo successivo, devi NUOVAMENTE spiegarne il significato, anche se lo avevi fatto nell’articolo precedente: NON è detto che chi leggerà il secondo tuo articolo, abbia letto il primo (o anche se l’ha letto, non puoi dare per scontato che ricordi il significato del termine  tecnico).


2) Costanza nella produzione degli articoli.

Se c’hai un blog devi SCRIVERE. Non ci sono SE e MA: devi SCRIVERE.
Se decidi di fare un blog aziendale, devi schiaffarti nella testolina che decidi da quel momento in poi di dedicare parte della tua settimana lavorativa alla produzione degli articoli.

E si, perché gli articoli li devi scrivere durante l’orario di lavoro, perché se cominci a pensare che “tanto poi scrivo dopo cena” non ci siamo…ci saranno un sacco di dopocena in cui non ce la farai e tutto va a ramengo.

E poi il marketing aziendale (perché anche avere un blog significa fare marketing) non è una cosa che puoi fare nei ritagli di tempo, anzi: DEVE ESSERE TEMPO DI QUALITA’.

Se decidi di avere un blog aziendale devi produrre contenuti con periodicità REGOLARE: un articolo a settimana (o ogni 15 gg). E cascasse il mondo, quando arriva il giorno in cui pubblicare, DEVI PUBBLICARE.

Se vuoi che il tuo blog FUNZIONI deve essere mantenuto ed aggiornato: solo in questo modo hai la possibilità di diventare un punto di riferimento per i tuoi clienti.

Se scrivi un articolo quando ti ricordi, allora semplicemente NON FUNZIONA, ed è meglio che LASCI PERDERE.

P.S: Un blog è per sempre. Quindi se stai pensando “Arriverà il momento in cui però posso smettere…”, la risposta è NO. Devi scrivere fino alla pensione. STOP


3) Perseveranza (e pazienza) per il raggiungimento del RISULTATO.

Altro ingrediente FONDAMENTALE per la ricetta del Blog di Successo è la PERSEVERANZA.

Per farla semplice:
se parti da zero (o poco più) vuol dire che per il pubblico di internet NON SEI NESSUNO.
Quindi, prima di diventare qualcuno (e quindi cominciare ad essere conosciuto dal tuo target) ci vuole tempo.

Quanto tempo dipende da diversi fattori (quanto sei bravo a scrivere, quanto è ampio il tuo target, quanti soldi hai a disposizione per la promozione del tuo blog ecc ecc), ma comunque in tutti i casi ci vuole TEMPO.

Tempo e pazienza sono armi che devono assolutamente essere nel tuo arsenale, se hai come obiettivo quello di avere un blog di successo e, a dirla tutta, sono anche le armi che nella maggior parte dei casi i tuoi concorrenti NON possiedono.

Verranno sicuramente i momenti di sconforto:
– il socio/moglie/collega che non ci crede e ti critica,
– i momenti in cui i risultati non arrivano e ti sembra di perdere tempo,
– i giorni in cui dovrai violentarti per scrivere perché proprio non c’hai voglia.

Sono quelli i momenti in cui “vinci la guerra”: se li superi indenne e con perseveranza allora è solo questione di tempo, ma poi il giochino comincia a funzionare.


4) Connessioni: connettiti ai tuoi clienti e NON smettere più di comunicare con loro.

Il quarto ingrediente FONDAMENTALE per la ricetta del Blog di Successo sta nelle “connessioni” con i tuoi clienti.

Mi spiego: devi mettere in campo tutti i sistemi possibili per “legare” a te i tuoi clienti (utenti del blog) e dal quel momento in poi NON smettere più di comunicare con loro.

Ad esempio, puoi attivare un sistema per la raccolta delle email dei tuoi lettori (ex. il famoso Ebook gratuito) e a quelle email devi poi scrivere nel tempo senza mai più fermarti.

ATTENZIONE: questo è uno di quegli aspetti che pare scontato, ma poi quando nella pratica di tutti i giorni mi ritrovo a parlare con imprenditori che c’hanno la lista di iscritti alle newsletter, SCOPRO che le newsletter NON LE MANDANO!

E no eh, ragazzi! 

Se qualcuno decide di iscriversi alla tua mailing list, lo fa perché è interessato a ricevere tuoi aggiornamenti. Quindi gli aggiornamenti, ovvero le newsletter, dobbiamo mandargliele a sto cristiano,  altrimenti si dimentica di noi.

L’altro motivo importantissimo per continuare a comunicare con chi “si connette”a noi sta nel fatto che probabilmente chi si iscrive al nostro blog (o semplicemente lo visita arrivando da Facebook, Google ecc), lo fa perché si sta cominciando ad informare riguardo il nostro prodotto/servizio, ma NON E’ ANCORA  pronto a comprare.

E quindi, se rimaniamo in contatto con lui (ad esempio con le newsletter) abbiamo  la possibilità di accompagnarlo nel suo percorso fino al momento in cui SARA’ PRONTO A COMPRARE, e a quel punto lo farà da noi (o perlomeno è lecito pensare che ci contatterà per valutarci).


5) Contatti: aumenta il numero di utenti con cui impatti.

Diciamo che sei una macchina da guerra, che scrivi articoli giusti per il target giusto, che li scrivi con frequenza, magari anche due a settimana, che hai capito che ci vuole tempo e vai avanti senza esitazioni, e diciamo pure che sei così bravo che ad esempio rimani in contatto con chi si connette a te.

Tutto molto bello ma…quante persone ti vedono? Quanto è ampio il tuo pubblico?
Probabilmente molto poco. Sicuramente solo una piccola percentuale del pubblico potenziale.

E quindi che fare? Devi fare che investi in promozione, usando (ad esempio) Google o Facebook per far si che i tuoi contenuti impattino più velocemente possibile col numero più alto possibile che puoi di potenziali clienti.

Eh già, perché se non investi in promozione, abbatti le possibilità che il tuo blog abbia successo…
Se aspetti che il tuo blog “crei” traffico da solo, in molti casi (la maggior parte) muori di vecchiaia senza riuscirci, in altri comunque ci vuole un sacco di tempo…e forse tutto sto tempo non ce l’hai.

Quindi devi da subito capire che devi mettere in gioco TUTTI gli strumenti (e il budget) che hai a disposizione per dare il giusto carburante in termini di visibilità al tuo blog.


Quello sopra era l’ultimo dei 5 ingredienti per un Blog Aziendale di Successo e mi permetto di ripetere un concetto esposto in apertura: non sono concetti nuovi nè si presentano come segreti mai svelati.

Sono però gli aspetti dove scopro PROBLEMI OGNI VOLTA che impatto con un progetto di blog aziendale: quindi verifica il tuo caso e sistema la tua “ricetta”. 😉

************************************
Hai un Blog ma NON funziona come vorresti?
[Contattami sei hai bisogno d’aiuto]

…scrivi scrivi scrivi ma i RISULTATI non arrivano? Ti impegni tanto, ma hai l’impressione che i frutti che raccogli NON siano sufficienti? Se ti trovi in queste condizioni e sei in cerca d’aiuto scrivimi qui  e ti verificheremo insieme se e come posso supportarti.
************************************

4 Commenti

  1. Gabriele

    Ciao Gianpaolo, grazie per gli articoli che scrivi, sono davvero una fonte di ispirazione. Seguo tanti blog sul web marketing e il tuo per tante ragioni é il migliore! BRAVO davvero!
    Gabriele

  2. simone

    Ciao Gianpaolo

    ti seguo da qualche mese, colgo l’occasione per farti i mie complimenti per il tuo lavoro in generale, non solo per questo articolo.

    ottimo materiale e di grande aiuto

Rispondi

GianpaoloAntonante.it di Gianpaolo Antonante  © 2018 – P.I. 04337530408
Indirizzo: Via Onesto Scavino, 10 – 47891 (RSM)
Telefono: 0549 964340 – email: info@gianpaoloantonante.it

Privacy Policy