gestione inserzioni su facebook

Gestione inserzioni su Facebook

Questo è il dubbio che Renato mi ha esposto qualche giorno fa.

Non è sicuro se nel suo caso, attivando una campagna sponsorizzata su Facebook abbia più senso:

  • sponsorizzare i post (e quindi diffondere i contenuti informativi che lui produce),
  • o sponsorizzare la pagina (e quindi incrementare i “Fan” della propria pagina Facebook aziendale, appunto).

Renato fa l’imprenditore e NON è esperto di Web Marketing nè di Facebook Ads (la piattaforma pubblicitaria di Facebook) quindi i suoi dubbi sono legittimi, quanto diffusi in molti non addetti ai lavori (e purtroppo anche in diversi “Social Media Qualcosa”…)

Per spiegare a Renato (e a te che leggi) cosa è più giusto fare riguardo alla gestione inserzioni su Facebook ,ti inviterò a ragionare sulla situazione, sottolineando il fatto che NON esiste MAI un modo UNICO di gestirle e che in ogni caso, per prendere la decisione su cosa sia più giusto fare bisogna considerare (tra le altre cose):

  • Quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere,
  • Qual’è il punto di partenza.

Analizziamo quindi il caso specifico.

Renato è un imprenditore di Padova che vende infissi.

Obiettivo:
Il suo obiettivo (ovviamente) è provare ad usare il web come strumento di acquisizione clienti.

Vorrebbe, inoltre, cercare di intercettare un target di cliente che non sia quello che cerca il prodotto low cost dal prezzo più basso possibile, poichè lui vende infissi di fascia “medio/alta” e quindi il cliente low cost NON è il suo target.


Qual’è il punto di partenza:
E’ quasi ZERO. Renato, dal punto di vista web, ha una situazione davvero BASE.

Non ha un sito aziendale, perché quello che aveva prima lo pagava un sacco mensilmente ma NON gli portava niente (è stato purtroppo vittima di una web agency poco seria).

Ha da poco creato un blog, nel quale ha cominciato a scrivere qualche articolo, ed ha una pagina Facebook aziendale con 250 “fan” che sono molto pochi ed inoltre NON interagiscono con i post che Renato pubblica sulla pagina (al massimo 1 like e zero commenti ai post).

Questo è la situazione della presenza online dell’azienda di Renato: siamo praticamente a ZERO.

La (piccola) nota positiva è che i suoi concorrenti saranno messi come lui (non ho controllato, ma dubito che gli altri serramentisti di Padova siano geni del web marketing).

Quindi, torniamo alla domanda iniziale di Renato:

“Ma su Facebook, devo promuovere la pagina o il post?”

Prima di rispondere alla domanda, un altro approfondimento.

Dobbiamo chiederci:

  • A cosa serve promuovere la pagina,
  • A cosa serve promuovere il post.

Promuovere la pagina.
Promuovere una pagina Facebook è un tipo di “campagna” che Facebook mette a disposizione dei propri inserzionisti ed ha come obiettivo quello di aumentare il numero di “Mi Piace” alla propria pagina aziendale, instaurando quindi una connessione con l’utente che diventa Fan e, che da quel momento in poi (potrebbe) vedere tutti i nuovi post pubblicati nella pagina aziendale.

A dirla così sembra bello, in realtà nel caso di Renato (e in tutti i casi simili) non è una gran tattica da utilizzare, e ti spiego perché.

1) Perché gli utenti dovrebbero Cliccare “Mi Piace” sull’annuncio sponsorizzato?
Come ti dicevo, Renato parte praticamente da zero sul web, quindi la “gente non lo conosce” (non su internet).

Se quindi la gente NON lo conosce e non conosce la sua azienda, perchè dovrebbe essere interessata a cliccare “Mi Piace” alla sua pagina?

Perchè dovrebbe farlo se aggiungiamo che Facebook, in questo tipo di inserzione permette di usare pochissimo testo (circa 90 caratteri spazi inclusi, che significa neanche due frasi intere) e che il testo non si può mettere neanche nell’immagine (se non per pochi caratteri?)

Pensa al tuo comportamento da utente, metteresti “Mi piace” alla pagina di un’azienda di infissi sconosciuta?
Evidentemente NO…

Va aggiunta un’latra importante informazione alla questione: la visibilità “organica” dei post sulle pagine Facebook.

Per visibilità “organica” si intende la visibilità gratuita che Facebook da ai contenuti della tua pagina.

Per dirla più semplice: a quanti “fan” della tua pagina Facebook fa vedere i tuo post se NON li sponsorizzi?

A pochi, molto pochi. I tuoi post sono visti da una percentuale di fan che va dal 15% al 25% (nei casi migliori).

Questo significa che se ti va bene, 1 fan ogni 4 vede quelle che pubblichi sulla tua pagina (se non sponsorizzi).

Quindi, considerato tutto quanto detto, promuovere la pagina è un’opzione da escludere nel caso di Renato (e ripeto, in tutti i casi simili).


Promuovere i post della pagina.
Promuovere i post della pagina serve invece a diffondere i contenuti pubblicati all’interno della propria pagina Facebook.

Nel caso di Renato, ad esempio, si potrebbero promuovere i post che pubblica che rimandano agli articoli del suo blog.

Questa tattica potrebbe servire, selezionando il target di utenti Facebook in modo da cercare di intercettare suoi potenziali clienti, a cominciare a diffondere il nome della sua azienda e i suoi punti differenzianti, di modo che nel tempo, se questa tattica viene usata con costanza, possa portare all’effetto di far percepire la propria azienda come esperta nel settore degli infissi e quindi “migliore” dei suoi concorrenti.

E soprattutto, in un caso come quello di Renato, questa tattica ha MOLTE più possibilità di risultare EFFICACE.

Tornando all’esempio fatto prima, se su Facebook vedi un articolo sponsorizzato che parla di “Come scegliere gli infissi migliori per la tua casa” (invento), e magari ti trovi in una situazione in cui sai che di li a poco dovrai pensare di cambiare gli infissi della tua casa, cosa fai? Non clicchi sulla sponsorizzata per sbirciare cosa dice l’articolo?

Probabilmente si.

Quindi, nel caso di Renato, è assolutamente questa seconda ipotesi quella da seguire, ovvero quella di sponsorizzare i post della pagina.
Tra le due campagne, non c’è dubbio che sia solo questa che possa risultare efficace.

Ovviamente, questa tattica deve essere usata nel tempo, e non può bastare sponsorizzare un post una volta, o fare una campagna che duri un mese: deve essere un’azione continua e praticamente “eterna”.

P.S: Ma quindi promuovere la pagina per aumentare i “like” non serve mai?
No, non ho detto questo. Ma questo punto te lo spiego magari un’altra volta 😉

*********************************
Pensavi anche tu a Facebook per promuovere la tua azienda ma NON sai da dove partire?

[Chiedimi una Consulenza]

Se pensavi che Facebook può essere uno strumento adatto a promuovere la tua azienda, ma non sai bene da dove partire e a chi affidarti, chiedimi una consulenza contattandomi da qui.

Ne parleremo insieme per verificare se e come Facebook può esserti utile, aiutandoti magari ad evitare di buttar via soldi e tempo (che poi socio o moglie ti rinfaccerebbero).
*********************************