“Mi ha detto mio cuggino che da bambino una volta è morto”…

…quella sopra è una citazione tratta da “Mio Cuggino”, la canzone capolavoro di Elio e le Storie Tese , che ironizza sulla figura del Cuggino.

Il Cuggino è quell’essere mitologico che ha sempre una risposta a tutto, pur non essendo competente in niente. E oltre a questo, spesso le sue teorie sono strabilianti.

Un cazzaro, praticamente.

Il Cuggino è stato “adottato” dal mondo del web marketing.
Come e quando sia avvenuta di preciso questa adozione non lo so.

La mia ipotesi si rifà alla moda in voga tra gli imprenditori fino a qualche anno fa di affidare la propria presenza online “al conoscente bravo col computer” che, non si capisce per quale associazione mentale, avrebbe dovuto equivalere a un qualche tipo di risultato degno di nota circa la presenza online dell’azienda.

Da li, unendo il concetto alla famosa canzone di Elio, è nato il CUGGINO che si occupa di Web Marketing: un vero DISASTRO per la presenza online delle aziende.

Il problema che non potevamo prevedere è che il CUGGINO si è riprodotto in quantità impensabili.

Si nasconde tra noi, non lo riconosci, ed è pronto a mettere le mani sul tuo sito e la tua pagina Facebook (e tutto quello che hai online con la tua azienda).

C’è scampo a questa sventura?
NO.  Sei SPACCIATO.

Se sei un imprenditore e decidi di investire online per promuoverti, le possibilità di incappare in un CUGGINO solo elevatissime, a meno che….

….tu non legga il mio articolo di oggi nel quale ti svelo gli 8 inequivocabili indizi che ti permetteranno di capire “Come Riconoscere il CUGGINO”.

Quindi, mi raccomando, leggi con attenzione e occhi aperti!

Come riconoscere il CUGGINO: 8 inequivocabili indizi che ti salveranno dallo TSUNAMI di fuffa che sta per travolgerti, spazzando via SENZA RISULTATI i soldi e il tempo che hai investito nella tua presenza online.

1) Il CUGGINO ha un titolo lavorativo supercazzola: il “Social Guru Media Evangelist”

Nel Web Marketing non esistono titoli.
Non esistono enti ufficiali che forniscono diplomi o certificazioni.

Eppure il CUGGINO non esita un secondo ad affibbiarsi un bel titolo altisonante che contenga termini a caso tipo “Guru, Evangelist, Specialist, Strategist” e chi più ne ha più ne metta.

A tutti questi cari CUGGINI che non vedono l’ora di intitolarsi coi nomi più fantasiosi vorrei far presente che io (e forsi molti altri) la penso come Checco Zalone nel video qui sotto:

Nota:
Tutti “quelli bravi” che conosco non amano usare sti gran titoloni per presentarsi.
E’ evidente che non sia automatico che chi si definisce “Specialist” (o altro) sia automaticamente un CUGGINO.

Ma dalla mia esperienza, il rischio si alza subito TANTO.


2) Il CUGGINO ha ideato l’ultima fantastica Strategia di Marketing

Cosa va di moda in questo momento? Pinterest? Allora il CUGGINO si inventa una fantastica strategia di “Pinterest Marketing”.

Snapchat sta facendo parlare di se? Ecco che il CUGGINO mi viene fuori con il fantastico infoprodotto sulla “Lead Generation con Snapchat”.

Quando senti qualcuno che ti propone un “[Qualche Strumento] Marketing” stai attento ed accendi il “Cuggin Detector”.

Il marketing è uno solo. Il web marketing è l’insieme delle strategie di marketing portate sul web.

Tutto il resto sono strumenti. Che possono essere molto utili in un caso e magari completamente inutili in un altro.

Diffida dal Marketing sull’ultima moda digitale. E’ molto probabile che nasconda un CUGGINO.


3. Il CUGGINO Non ti mostra Casi di Successo [Importante]

Pensaci un po’.
Se uno di lavoro si occupa di Web e Web Marketing da un po’, e se è vero che i suoi servizi portano risultati, ce li dovrà pure avere dei casi di successo da presentare, o no?

Non dico che debba avere decine di testimonianze scritte o video di clienti soddisfatti (che pure male non farebbero), ma almeno che possa mostrarti faccia a faccia i RISULTATI ottenuti con altri clienti.

Non sarebbe una cosa normale e ovvia?
Certo che si…

Ma fidati, se chiedi al CUGGINO di farti vedere i casi di successo ottenuti coi suoi clienti, lui cercherà in tutti i modi di svicolare: cambierà argomento, ti dirà che non ha con se i dati, tirerà fuori qualsiasi tipo di scusa pur di non risponderti.

Fai ATTENZIONE a questo indizio: è molto forte e sinonimo di quasi sicura CUGGINITE! Non ignorarlo.

Nota: Se anche ti mostra casi di successo, dovresti fare in modo di verificare.
Se ti mostra come caso di successo la FIAT (che non puoi contattare in alcun modo per controllare se è vero quello che ti dice) stai attento, forse è un altro trucchetto. 😉


4) Il CUGGINO Non ti dice cosa fa per te

Se sei un imprenditore non ne sai una mazzafionda di come si fa la SEO, o di come si gestisce una campagna Facebook o di come si fanno le mille altre cose del web marketing.

E sarebbe normalissimo che tu faccia domande.
Ecco il quarto indizio “scova CUGGINO”: se chiedi cosa fa per te, rimane sul vago e non capisci cosa realmente fa.

Comincerà ad utilizzare incomprensibile terminologia tecnica, resterà sul vago, ma il risultato finale sarà sempre lo stesso: TU NON CAPISCI PER COSA PAGHI.

Ok la SEO, ma quindi che fai?
Va bene Facebook, ma nello specifico, come lo gestisci?

Se non ti risponde (o non si fa capire), occhio, forse hai un CUGGINO nei paraggi!


5. Il CUGGINO si concentra sulla fuffa: il “Sentiment del Social Engament…”

L’imprenditore vuole VENDERE. STOP.
Tutto il resto non gli interessa. La sua azienda sta su e prospera se ci sono le vendite.

Il Web Marketing a quello deve servire: a vendere di più.

Il CUGGINO invece ti parlerà di Social Engagement, di Like, di numero di parole chiave posizionate, di click ricevuti…tutti parametri che, fini a se stessi, sono INUTILI.

ATTENZIONE: Non ho detto che parlare di keywords posizionate (ad esempio) sia sbagliato a prescindere.

E’ sbagliato se viene visto come OBIETTIVO FINALE ed UNICO, quello che fa il CUGGINO.

L’obiettivo finale è il fatturato. SEMPRE.

Il tuo consulente o la web agency deve parlarti di RISULTATI CONCRETI che si possono raggiungere. Quello deve essere l’obiettivo.

Se non te ne parla mai, siamo in presenza di CUGGINI. Fidati.


6) Il CUGGINO dopo aver firmato il contratto non lo SENTI PIU’

Col Web Marketing non si finisce mai.
Raggiunto un obiettivo si passa al successivo.
Se non si raggiunge l’obiettivo nei tempi previsti, ci si deve fermare e capire cosa succede.

In tutte queste fasi, il consulente di Web Marketing ha bisogno di parlare con TE, l’imprenditore.

Sei solo tu che può fornirgli i feedback più precisi: cosa dicono i clienti, quanti ne arrivano dalle campagne attivate, ecc ecc.

Il CUGGINO, invece, non lo senti MAI.

E’ irrintracciabile, NON risponde alle email, NON risponde al telefono, e non si sogna manco pè niente di contattarti e chiederti informazioni su come vanno le cose.

Il CUGGINO, dopo il contratto, non lo senti più.
Tu da quant’è che non senti il tuo consulente o la tua web agency?


7) Il CUGGINO ti promette di diventare PRIMO SU GOOGLE

Questa cosa ti sarà capitata sicuramente.
Gente che ti promette di diventare PRIMO SU GOOGLE.  Senza che magari neanche ti conoscono e senza che nemmeno abbiano mai visto il tuo sito.

Su questo possiamo spingerci nel formulare l’equazione:
PRIMO SU GOOGLE = CUGGINO.

Premesso che siamo d’accordo sul fatto che scalare le posizioni di Google per arrivare alle prime è uno degli obiettivi che si devono raggiungere con la SEO, chi te lo propone senza neanche conoscerti è un fuffaro al 99%.

Bisogna valutare il caso specifico prima di potersi esprimere.  Per capire le potenzialità SEO di un sito vanno analizzati:
– Il sito stesso,
– La nicchia di mercato e i volumi di ricerca delle keywords,
– La concorrenza,
– Mille altri parametri.

Solo dopo ci si può esporre sugli obiettivi.
Se lo fanno prima, sono CUGGINI.

P.S: In questi anni ho visto girare offerte SEO al prezzo di un caffè al giorno, o € 99 all’anno e altre amenità simili.

La SEO è un’attività complessa che ha i suoi costi.  Anche in questo caso non si può generalizzare e va studiato il caso specifico.

Ma spendere due spiccioli per la SEO è sinonimo di fuffa.  Assicurato.


8) Il CUGGINO ha un’arma SEGRETA che nessuno la conosce tranne lui

I principi fondamentali del marketing sono gli stessi da 137mila anni.
Gli strumenti principali del Web Marketing sono gli stessi da tempo: Google, i Social (con Facebook padrone) e le Email.

Sicuramente ci sono tante novità, ma spesso poco incidono nella vita reale delle aziende.

Il CUGGINO invece si inventa sempre l’arma SEGRETA che ha fatto guadagnare millemila pignenculo ai suoi clienti (che ovviamente non si sa chi sono).

Robe nuove non se ne inventa più nessuno.
O comunque sono in pochissimi. Le armi segrete lasciamole ai cartoni animati.

Per favore

Morale Della Favola

Il Web Marketing è una possibilità ENORME che hanno le aziende.
Spesso è lo strumento di promozione più a portata di mano.

E ci sono un SACCO di professionisti e agenzie che sanno fare il loro lavoro portando i risultati agli imprenditori che a loro si affidano.

Ci sono però davvero un sacco di CUGGINI, ovvero personaggi che più o meno consapevolmente, più o meno maliziosamente, propongono e vendono servizi Fuffa che niente hanno a che vedere col Web Marketing.

E che NON portano risultati.

Ho scritto quest’articolo con l’obiettivo di darti qualche strumento di valutazione e identificazione del CUGGINO.

Con qualche battuta. Scherzandoci su. Ma sperando di esserti anche utile ad evitare brutti ceffi che ti farebbero buttare soldi e perdere tempo prezioso.

😉

*****************************************
Vorresti ottenere più risultati dal web ma non sai come fare?
[Fammi MIGLIORARE i TUOI risultati online!]

Se credi che internet possa essere una risorsa per la tua azienda ma non hai ancora trovato un partner che ti aiuti a sfruttare questa risorsa parlane con ME ADESSO.

Contattami qui.

Analizzerò la tua situazione online per capire insieme a te se e come posso aiutarti.
*****************************************